Animali in città

"cosi no - cosi si" in città

La stessa città per uomini e animali

Ma quanti tra noi se ne rendono conto?

Oltre agli amici cani ed agli amici gatti, cioè gli animali da compagnia, una miriade di altri animali popolano le città in cui noi viviamo: dai colombi, ai gabbiani, dalle cornacchie alle gazze, e merli, passeri, cince, allocchi, pipistrelli, picchi, scoiattoli ecc. ecc.. Animali selvatici che, trovando sempre più inospitali i luoghi dove abitualmente vivono, si sono trasferiti, con grande spirito di adattamento, nelle città vicine.
Imparare a guardarci intorno, ad osservarli. Imparare a conoscerli sarebbe una strada da percorrere per crescere come esseri umani, per assumerci nuove responsabilità, per imparare a progettare tenendo conto dell’impatto, delle ricadute, che le nostre scelte possono avere su questi abitanti silenziosi  e/o clandestini.

"piccione domestico e piccione selvatico"

Un animale che da tempo ha fatto la scelta di diventare cittadino è il piccione torraiolo che, come i passeri, i rondoni, le rondini, in origine nidificava su pareti rocciose e si è prontamente adattato agli edifici urbani.
Amato da molti e odiato da alcuni, il piccione ha grandi capacità di adattamento e una lunga stagione riproduttiva. Per ovviare ad un eccessivo sviluppo della specie, il Comune di Udine , accogliendo la proposta di Amici della Terra, ha iniziato, da alcuni anni e con successo, la distribuzione stagionale di mais trattato con la nicarbazina (un antiparassitario ad attività coccidiostatica ,che ha effetti anticoncezionali e non nuoce all’animale).